AVVISO:  L'unico numero della Gilda è 0784 32313! La linea telefonica 0784 399124 è stata dismessa.

Le sedi Gilda da lunedì 18 maggio 2020 riaprono al pubblico con i consueti orari d'ufficio, ma previo appuntamento da prendere chiamando allo 078432313 oppure ai seguenti recapiti telefonici

Portale dedicato all'emergenza Coronavirus dal Ministero Pubblica istruzione

 

Assemblee Sindacali

Speciale mobilità 2020/21

Speciale Concorsi 2020

MATURITA', SONDAGGIO GILDA: NO A MODIFICA COMMISSIONI ESAME

copiare_in_classeLe commissioni dell'esame di Maturità non vanno modificate: a pensarla così sono i 753 docenti che, dal 4 dicembre scorso al 13 gennaio, hanno partecipato a un sondaggio online condotto dalla Gilda degli Insegnanti.

Il questionario, pubblicato nei siti www.gildains.it e www.gilda-unams.it con l'ausilio del software specializzato SurveyMonkey, è composto da cinque domande riguardanti l'ipotesi, dettata da esigenze di risparmio economico, di cambiare la composizione delle commissioni esaminatrici.

Contro l'introduzione, molto probabile, di soli commissari interni ai quali non corrispondere alcuna retribuzione aggiuntiva (vedi Q1 nel pdf allegato, ndr) si è espresso l'85,66%.

A motivare il no secco dei docenti non è unicamente la mancanza di compensi accessori per i commissari: secondo l'83% dei partecipanti al sondaggio, infatti, l'introduzione della commissione interna potrebbe creare disparità di valutazione tra i maturandi delle scuole statali e quelli degli istituti parificati (Q2). Il 79,81% ritiene che il modello attualmente in vigore, che prevede commissioni miste, debba essere mantenuto perchè la compresenza di membri esterni, che valutano la prestazione dei maturandi all'esame, e interni, che nel loro giudizio prendono in considerazione anche l'intero percorso di studi dei candidati, garantisce un maggiore equilibrio (Q3).

Bocciata dall'85,52% anche l'ipotesi, alla quale secondo indiscrezioni starebbe pensando il Governo, di insediare commissioni con docenti interni alle scuole ma non titolari sulle classi quinte (Q4). Nettamente maggioritaria, infine, la percentuale dei docenti – 75,56% - in disaccordo con l'eventuale abolizione del valore legale del titolo di studio, uno scenario verso cui la modifica delle commissioni di Maturità potrebbe rappresentare il primo passo.

Roma, 19 gennaio 2015

Menu Principale: